UNA DIVERSA LETTURA DELLA STORIA DI NARCISO

Condividi

L’Alchimista conosceva la leggenda di Narciso, un bel giovane che tutti i giorni andava a contemplare la propria bellezza in un lago. Era talmente affascinato da se stesso che un giorno scivolò e morì annegato. Nel punto in cui cadde nacque un fiore, che fu chiamato narciso.
Ma non era così che Oscar Wilde concludeva la storia.
Egli narrava invece che, quando Narciso morì, accorsero le Oreadi – ninfe del bosco – e videro il lago trasformato da una pozza di acqua dolce in una brocca di lacrime salate.
“Perché piangi?” domandarono le Oreadi.
“Piango per Narciso” disse il lago.
“Non ci stupisce che tu pianga per Narciso,” soggiunsero. “Infatti, mentre noi tutte lo abbiamo sempre rincorso per il bosco, tu eri l’unico ad avere la possibilità di contemplare da vicino la sua bellezza. ”
“Ma Narciso era bello?” domandò il lago.
“Chi altri meglio di te potrebbe saperlo?” risposero, sorprese, le Oreadi. “In fin dei conti, era sulle tue sponde che Narciso si sporgeva tutti i giorni.”
Il lago rimase per un po’ in silenzio. Infine disse: “Io piango per Narciso, ma non mi ero mai accorto che fosse bello. Piango per Narciso perché, tutte le volte che lui si sdraiava sulle mie sponde, io potevo vedere riflessa nel fondo dei suoi occhi la mia bellezza.”
“Che bella storia,” disse l’Alchimista.

da L’Alchimista di Paulo Coelho

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

LA LEGGENDA DELL’AMORE ETERNO

Condividi

Narra la leggenda che, un giorno, il figlio di un coraggioso guerriero si innamorò di una giovane bellissima donna. I due decisero di sposarsi, dopo aver ottenuto il permesso da parte dei genitori.

Si amavano davvero tanto e, allo stesso tempo conoscevano le insidie della convivenza. Decisero allora di rivolgersi allo stregone della tribù, per chiedere un incantesimo che rendesse eterni il loro amore e la loro complicità.
Lo stregone disse al guerriero:

“Vai sulle Montagne del Nord, sali più in alto che puoi e quando sei in cima cerca il falco più forte e coraggioso di tutti. Devi catturarlo e portarlo qui vivo.”

Quindi si rivolse alla fanciulla e disse:
“Vai sulle Montagne del Sud, cerca l’aquila più grande di quella catena montuosa, quella che vola più in alto e che ha lo sguardo più profondo. Catturala e portala qui viva.”

Dopo diversi giorni a camminare sulle montagne, il guerriero e la ragazza riuscirono a raggiungere i loro obiettivi e tornarono soddisfatti dallo stregone, accompagnati dai due splendidi uccelli.

“Cosa dovremmo fare adesso con loro?”
Chiesero.

“Questi uccelli sono belli e forti, giusto?”
Disse lo stregone.

I due giovani annuirono, spiegando di avere trovato i migliori, per quanto fosse stato difficile catturarli.

“Li avete visti volare più in alto di tutti, molto rapidamente?”
Chiese nuovamente lo stregone.

“Più di qualunque altro”
Risposero i due.

“Molto bene. Adesso legateli insieme, l’uno con l’altro, per le gambe.”

I due giovani seguirono le istruzioni e poi provarono a far volare gli uccelli. Questo non era più possibile, essendo legati l’uno all’altro. Uno faceva da ostacolo all’altro. L’unica cosa che riusciva bene era inciampare uno sull’altro e farsi del male mentre rotolavano a terra.

“Vedete cosa succede a questi uccelli? Se sono legati l’uno con l’altro non sono in grado di volare.Questo è l’incantesimo che vi do affinché il vostro amore sia eterno: che il vostro legame non sia vincolante per nessuno, ma che a dominare siano sempre e solo la forza e l’incoraggiamento all’altro affinché cresca e migliori come persona.”
Disse lo stregone.

“Possa il vostro amore non creare dipendenze, ma manifestare unione e solidarietà l’uno con l’altro. Rispettatevi come persone e lasciate l’altro libero di imparare a volare con voi nell’immensità del cielo. Se farete questo, il vostro amore sarà eterno, perché non sarà frenato da alcuna limitazione, ma rappresenterà sempre per entrambi uno stimolo a crescere.
Tutto ciò che limita l’anima, prima o poi muore, perché la legge suprema della natura è che ogni individuo cresca ed evolva come persona. Un amore che stronca l’anima ed opprime l’individuo è destinato a morire. L’unico amore che non muore mai, quello che vince anche la morte è la sacra alleanza di due anime che si aiutano a vicenda ad evolvere, che si rispettano reciprocamente e che, pur essendo lasciati liberi, si sostengono a vicenda.
Chi vuole che il proprio amore sia eterno, non soffochi la libertà dell’amato. Volate in alto insieme, ma volteggiando nel cielo anche da soli, senza zavorre né paura.
Solo in questo modo l’amore sarà eterno, perché rappresenterà non solo cibo e gioia per il corpo, ma anche forza e nutrimento per lo spirito.”

DAL WEB

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

RINUNCIARE O LASCIARSI ANDARE ALLA PASSIONE ?

Condividi
“La passione ti fa smettere di mangiare, di dormire, di lavorare, di vivere in pace. Molti si spaventano perchè, quando compare, distrugge tutto ciò che di vecchio incontra.

Nessuno vuole mettere a soqquadro il proprio mondo. Perciò alcune persone – tante – riescono a controllare questa minaccia, mantenendo in piedi una casa o una struttura già marcia. Sono gli ingegneri delle cose superate.

Altri individui pensano esattamente il contrario: si abbandonano senza riflettere, aspettandosi di trovare nella passione la soluzione di tutti i loro problemi. Attribuiscono all’altro il merito della propria felicità, e la colpa della propria possibile infelicità. Sono sempre euforici perchè è accaduto qualcosa di meraviglioso, oppure depressi perché un evento inatteso ha finito per distruggere tutto.

Sottrarsi alla passione, o abbandonarvisi ciecamente: quale di questi atteggiamenti è il meno distruttivo?

Non lo so…”

DAL LIBRO “UNDICI MINUTI” DI PAULO COELHO

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

AVVICINARSI ALL’ALTRO COME ALTRO, NELLA RELAZIONE

Condividi

«Avvicinarsi all’altro come altro» spiega perché sia tanto difficile per noi riconoscere l’altro in quanto tale e rispettare la differenza tra noi. Siamo stati abituati a ridurre l’altro a ciò che ci è proprio o a noi stessi. Al livello della coscienza come a quello dei sentimenti, siamo stati educati a rendere nostro quel che avviciniamo o che ci viene incontro. Il nostro modo di ragionare, il nostro modo di amare consiste spesso in un’appropriazione, sia attraverso una mancanza di differenziazione o una fusione, sia attraverso una trasformazione in un oggetto, un oggetto di conoscenza o di amore, che integriamo nel nostro mondo. Ci comportiamo così in particolare con quelli che ci sono più vicini,dimenticando che sono altri, differenti da noi, ma anche con lo straniero, accolto da noi a patto che lui, o lei, accetti di essere conglobato nei nostri modi di vivere, nei nostri costumi, nel nostro mondo.

Perdiamo così l’emozione e l’arricchimento che riceviamo dall’incontro con l’altro. E spesso è solo all’inizio di un incontro che l’altro ci tocca in una maniera globale e incontrollabile. Allora il mistero che l’altro rimane per noi ci comunica un risveglio, corporeo e spirituale al contempo. Dopo perdiamo questo risveglio, persino la percezione dell’altro svanisce. L’altro è diventato una parte di noi, a meno che non l’abbiamo rigettato. L’altro deve invece stare; insieme dentro e fuori da noi, non dentro o fuori.L’altro ha un posto nella nostra interiorità, pur rimanendo esterno, estraneo, altro da noi.Solo così continuerà a commuoverci ed illuminarci, senza che siamo capaci di catturare o fare nostra la reale origine del nostro stato.Irigaray  Amo a te, Bollati Boringhieri, 1993

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

 

L’AMORE E’ L’IMMAGINE DELLA NOSTRA VITA

Condividi

L’amore è l’immagine della nostra vita: entrambi sono soggetti alle stesse rivoluzioni e agli stessi cambiamenti. La loro giovinezza è piena di gioia e di speranza: ci si sente felici di essere giovani come ci si sente felici di amare. Questa condizione così bella e importante ci porta a desiderare, sempre di più; non ci si accontenta di esistere, si vogliono fare dei progressi, si cerca il modo di migliorare e di consolidare la propria fortuna; non si sopporta l’idea che altri pretendano quello che noi pretendiamo. Nonostante le mille preoccupazioni che vengono cancellate dal piacere di avere raggiunto una meta e soddisfatte tutte le passioni, non prevediamo che la nostra felicità possa avere fine.

Ma raramente questa felicità è di lunga durata e non può conservare per molto il fascino della novità. Anche se abbiamo esauditi i nostri desideri, non smettiamo di desiderare ancora. Ci abituiamo a ciò che ci appartiene; gli stessi beni non conservano lo stesso valore e non ci attraggono più come prima; cambiamo impercettibilmente, senza che ce ne accorgiamo; ciò che abbiamo ottenuto diventa una parte di noi stessi: saremmo crudelmente colpiti se lo perdessimo, ma non siamo più sensibili al piacere di conservarlo; la gioia non è più viva e cerchiamo cose diverse da quelle che abbiamo tanto desiderato. Questa involontaria incostanza è un effetto del tempo, che, nostro malgrado, opera sull’amore come sulla nostra vita, giorno per giorno cancella insensibilmente una certa aria di spensieratezza, distrugge le attrattive più vere; si assumono modi più seri, si mescolano gli affari alla passione; l’amore non sopravvive più per se stesso e cerca nuove esperienze. Questo momento dell’amore assomiglia al primo declinare degli anni, quando non si ha più l’entusiasmo della giovinezza.

La gelosia, la diffidenza, la paura di stancare, il timore di essere abbandonati sono le ansie che si fanno avanti con la vecchiaia dell’amore, così come i malanni sono legati alla durata della vita. Di tutto questo sarebbe bene tenerne conto, poiché ogni conquista non si trasformi inesorabilmente e nello stesso tempo in una delusione oppure in una crudele sconfitta.

François De La Rochefoucauld: L’amore e la vita

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

I 7 MOMENTI DELL’AMORE PASSIONALE (secondo Stendhal)

Condividi

Lo scrittore francese Stendhal nel suo celebre libro Dell’amore indica diversi tipi di amore: amore fisico, amore gusto, amore di vanità e amore passione. Il verificarsi di quest’ultima condizione, l’amore legato alla passione, viene suddiviso da Stendhal in sette “momenti”.

Eccoli di seguito:

  1. L’altro (o l’altra) ci piace: ne siamo attratti irresistibilmente. In ciò può avere la sua importanza l’aspetto fisico della persona che diventa oggetto della nostra attenzione o la sua condizione sociale.
  2. Nella nostra mente di candidati all’innamoramento nascono le prime fantasie amorose: l’immaginazione galoppa e già ci prefiguriamo quanto desideriamo che accada.
  3. Sta per scattare l’innamoramento e cominciamo a pensare di poter essere ricambiati. Ci pare che questa sia la conseguenza logica della nostra aspirazione ad innamorarci.
  4. A questo punto è nato l’amore. Proviamo piacere nel vedere, toccare, nel sentire con tutti i sensi, e da vicino, l’oggetto del nostro amore.
  5. È il momento del processo decisivo, della prima “cristallizzazione”: questo termine deriva da ciò che si verifica quando si immerge un rametto in una soluzione sovra satura di sale. Dopo qualche tempo il rametto si copre di cristalli brillanti. Tutte le qualità della persona amata, anche i suoi difetti, ci appaiono quindi sotto forma di perfezioni.
  6. Ma ecco il dubbio. Da innamorati, vogliamo sentirci dire che siamo riamati, vogliamo certezze e a volte non le otteniamo. Allora proviamo a difenderci dal nostro amore, cerchiamo di distrarci, di desiderare altre cose e ci accorgiamo con terrore di non riuscirci.
  7. Infine si ha la seconda “cristallizzazione”: scopriamo nell’oggetto del nostro amore nuovi incanti e ci struggiamo nella speranza di essere riamati per sempre.

Provate a vedere in quale di questi 7 momenti vi trovate nella vostra attuale relazione passionale.

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

50 RIFLESSIONI “LATINE” SULL’AMORE

Condividi

Di seguito riporto 50 citazioni latine sull’amore, che ancor’oggi sono valide e che attestano quanto i latini conoscessero bene i meccanismi dell’amore e delle relazioni in generale. Vengono proposte con lo scopo di far riflettere, in maniera simpatica ed inusuale sui  meccanismi dell’amore.

Nec sine te, nec tecum vivere possum.
Non posso vivere né con te, né senza di te. (Ovidio)

Nil difficile amanti puto.                                                                                                                                                                Nulla è difficile a chi ama. (Cicerone)

Nisi qui ipse amavit, aegre amantis ingenium inspicit.                                                                                                              Chi non ha mai amato, difficilmente comprende l’animo di chi ama. (Plauto)

Qui pote transferre amorem, pote deponere.                                                                                                                              Chi può passare da un amore all’altro, può facilmente abbandonarlo. (Publilio Siro)

Quis legemdes amantibus? Maior lex amor est sibi.                                                                                                                    Chi mai può dar leggi agli amanti? L’amore è al di sopra di tutte le leggi. (Boezio)

Amor et melle et felle est fecundissimus.                                                                                                                               L’amore produce molto miele e fiele. (Tito maccio plauto)

Amoris vulnus idem sanat qui facit.                                                                                                                                                 La ferita d’amore la sana chi la provoca. (Publilio Siro)

Quantum oculis, tantum procul ibit amor.
L’amore se ne andrà tanto lontano quanto è lontano dagli occhi. (Properzio)

Est in canitie ridicula Venus.
È ridicolo l’amore di un vecchio.

Qui pote transferre amorem, pote deponere.
Chi può passare da un amore all’altro, può facilmente abbandonarlo. (Publilio Siro)

Nemo est amator, quisquis non semper amat.
Nessuno ama, se non ama sempre. (Aristotele)

Difficile est longum subito deponere amorem.
É difficile guarire di colpo d’un amore durato a lungo. (Catullo)

Quis legemdes amantibus? Maior lex amor est sibi.
Chi mai può dar leggi agli amanti? L’amore è al di sopra di tutte le leggi. (Boezio)

Illi poena datur qui semper amat nec amatur.
Soffre le pene chi sempre ama e non è amato.

Verus amor nullum novit habere modum.
Il vero amore non ha mai conosciuta alcuna misura. (Properzio)

Nil difficile amanti puto.
Nulla è difficile a chi ama. (Cicerone)

Amor caecus.
L’amore è cieco.

Semper amorem minui vel crescere constat.
É un fatto constatato che l’amore o cresce o diminuisce, mai rimane eguale.

Amor arma ministrat.
L’amore procura le armi.

Non bene, si tollas proelia, durat amor.
Se all’amore togli le piccole liti, non dura. (Ovidio)

Oculi sunt in amore duces.
In amore siamo guidati dagli occhi. (Properzio)

Amantis ius iurandum poenam non habet.
Il giuramento dell’innamorato non si può punire.

Amor magister est optimus.
L’amore è un ottimo maestro. (Plinio)

Amor odit inertes.
L’amore odia gli inerti. (Ovidio)

Amor gignit amorem.
L’amore genera amore.

Amor omnibus idem.
L’amore per tutti è lo stesso. (Publio Virgilio Marone)

Qui non zelat non amat.
Chi non è geloso non ama. (Sant’agostino)

Si vis amari, ama.
Se vuoi essere amato, ama. (Seneca)

Amoris vulnus idem sanat qui facit.
La ferita d’amore la sana chi la provoca. (Publilio Siro)

Amator, quasi piscis, nequam est, nisi recens.
L’amante è come il pesce: è cattivo se non è fresco. (Plauto)

Amantium irae amoris integratio est.
Le ire degli amanti rinnovano l’amore. (Terenzio)

Amor amara dat.
L’amore dà amarezze. (Plauto)

Amantes amentes.
Gli amanti son pazzi.

Amor tussique non celatur.
L’amore e la tosse non si possono nascondere.

Res est solliciti plena timoris amor.
L’amore è pieno di inquieti timori. (Ovidio)

Fortis est ut mors dilectio, dura sicut infernus aemulatio.
L’amore è forte come la morte, la gelosia dura come l’inferno.

Odero, si potero; si non, invitus amabo.
Ti odierò, se potrò; altrimenti ti amerò mio malgrado. (Ovidio)

Vinculum amoris est idem velle.
Il vero vincolo d’amore sta nel concorde volere. (Seneca)

Improbe amor, quid non mortalia pectora cogis!
Crudele amore, che cosa gli animi mortali non spingi a fare! (Virgilio)

Ama tamquam osurus.
Ama come se poi dovessi odiare. (Cicerone)

Amare nihil aliud est, nisi eum ipsum diligere quem ames, nulla indigentia, nulla utilitate quaesita.
Amare non è altro che scegliere quello cui ti senti voler bene, non per bisogno, né per utilità alcuna. (Cicerone)

Antiquus amor cancer est.
L’antico amore è come un cancro.

Amare iuveni fructus est, crimen seni.
Amare è come un frutto per il giovane, un delitto per il vecchio. (Publilio Siro)

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior.
Ti odio e ti amo. Come possa fare ciò, forse ti chiedi. Non lo so, ma sento che così avviene e me ne tormento. (Catullo)

Omnia vincit amor et nos cedamus amori.
L’amore vince su tutto e noi cediamo all’amore. (Publio Virgilio Marone)

Amor et dominium non patiuntur socium.
L’amore e la proprietà non tollerano soci [divisioni].

Amor est vitae essentia.
L’amore è l’essenza della vita.

Nisi qui ipse amavit, aegre amantis ingenium inspicit.
Chi non ha mai amato, malamente vede le code d’amore. (Plauto)

Amor et melle et felle est fecundissimus.
L’amore produce molto miele e fiele. (Tito maccio plauto)

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

ABBI CURA DI ME

Condividi

Il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro
Basta mettersi al fianco invece di stare al centro
L’amore è l’unica strada, è l’unico motore
È la scintilla divina che custodisci nel cuore
Tu non cercare la felicità semmai proteggila
È solo luce che brilla sull’altra faccia di una lacrima
È una manciata di semi che lasci alle spalle
Come crisalidi che diventeranno farfalle

Ognuno combatte la propria battaglia
Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia
Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso
Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso
Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo
Anche se sarà pesante come sollevare il mondo
E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte
E ti basta solo un passo per andare oltre
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrai paura di cadere
Che nonostante tutto
Noi siamo ancora insieme
Abbi cura di me qualunque strada sceglierai, amore
Abbi cura di me
Abbi cura di me

Che tutto è così fragile
Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino
Perché mi trema la voce come se fossi un bambino
Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte e non lasciarmi andare
Abbi cura di me

Simone Cristicchi

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

L’AMORE NON E’ GIA’ FATTO. SI FA

Condividi

L’AMORE NON E’ GIA’ FATTO. SI FA
Non è un vestito già confezionato,
ma stoffa da tagliare, cucire
Non è un appartamento ‘chiavi in mano’,
ma una casa da concepire, costriure,
conservare e spesso riparare.
Non è vetta conquistata, ma partenza dalla valle,
scalate appassionanti,
cadute dolorose nel freddo della notte
o nel calore del sole che scoppia.
Non è solido ancoraggio nel porto della felicità
ma è un levar l’ancora, è un viaggio in pieno Mare,
sotto la brezza o la tempesta.
Non è un “sì” trionfale,
enorme punto fermo che si segna fra le musiche,
i sorrisi e gli applausi, ma è una moltitudine di “sì”
che punteggiano la Vita,
fra una moltitudine di “no”
che si cancellano strada facendo.
Non è l’apparizione improvvisa di una nuova Vita,
perfetta fin dalla nascita,
ma sgorgare di sorgente
e lungo tragitto di fiume dai molteplici meandri,
qualche volta in secca, altre volte traboccante,
ma sempre in cammino verso il Mare infinito.

M. Quoist
Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

AMARE E’ TUTTO

Condividi

“Quanto più invecchiavo, quanto più insipide mi parevano le piccole soddisfazioni che la vita mi dava, tanto più chiaramente comprendevo dove andasse cercata la fonte delle gioie della vita. Imparai che essere amati non è niente, mentre amare è tutto, e sempre più mi parve di capire ciò che da valore e piacere alla nostra esistenza non è altro che la nostra capacità di sentire. Ovunque scorgessi sulla terra qualcosa che si potesse chiamare “felicità”, consisteva di sensazioni. Il denaro non era niente, il potere non era niente. Si vedevano molti che avevano sia l’uno che l’altro ed erano infelici. La bellezza non era niente: si vedevano uomini belli e donne belle che erano infelici nonostante la loro bellezza. Anche la salute non aveva un gran peso; ognuno aveva la salute che si sentiva, c’erano malati pieni di voglia di vivere che fiorivano fino a poco prima della fine e c’erano sani che avvizzivano angosciati per la paura della sofferenza. Ma la felicità era ovunque una persona avesse forti sentimenti e vivesse per loro, non li scacciasse, non facesse loro violenza, ma li coltivasse e ne traesse godimento. La bellezza non appagava chi la possedeva, ma chi sapeva amarla e adorarla.C’erano moltissimi sentimenti, all’apparenza, ma in fondo erano una cosa sola. Si può dare al sentimento il nome di volontà, o qualsiasi altro. Io lo chiamo amore. La felicità è amore, nient’altro. Felice è chi sa amare. Amore è ogni moto della nostra anima in cui essa senta se stessa e percepisca la propria vita. Ma amare e desiderare non è la stessa cosa. L’amore è desiderio fattosi saggio; l’amore non vuole avere; vuole soltanto amare.”

Hermann Hesse” Sull’Amore”

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it