Articoli

CHE TIPO DI PERSONA TI E’ ACCANTO ?

Condividi
Ci sono persone a cui sei accanto ma che ti vivono come parte della loro vita. Tu rimani li anche se non ci sei e ti cercano, in maniera semplice ma concreta, non per possesso ma perché le completi, ne hanno piacere…sentono che sei unico, che sei importante, e sanno che le senti anche tu come tali. Nelle difficoltà e nei dubbi, nei momenti di gioia e nel buio. Senza proclami di eternità, senza clamori o esibizione…anche senza i “ti amo”…perché te lo leggono negli occhi.

Poi ci sono persone a cui sei accanto allo stesso modo. Ma sei come un temporale estivo. Rinfrescante, tonificante…hanno piacere di bagnarsi in quel mare d’amore, lo cercano col viso, col corpo, col brivido dell’emozione. Ma riempiono solo un vuoto. Lo gridano, lo mostrano, lo scrivono…ma le gocce poi si asciugano…l’acqua scorre…e si scaldano di nuovo in altre forme, in altri modi, con altra pelle. In attesa della prossima stagione, della prossima pioggia. E non importa se quelle gocce sono vite….gli basta solo placare la sete che hanno dentro.

(Riflessioni pervenute da un seguace della pagina fb del Dottor Roberto Cavaliere )

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

NON PIU’ DUE, MA UN ANIMA SOLA

Condividi

E così evidentemente sin da quei tempi lontani in noi uomini è innato il desiderio d’amore gli uni per gli altri, per riformare l’unità della nostra antica natura, facendo di due esseri uno solo: così potrà guarire la natura dell’uomo.
Dunque ciascuno di noi è una frazione dell’essere umano completo originario.
Per ciascuna persona ne esiste dunque un’altra che le è complementare, perché quell’unico essere è stato tagliato in due, come le sogliole. E’ per questo che ciascuno è alla ricerca continua della sua parte complementare. (…) quando incontrano l’altra metà di se stesse da cui sono state separate, allora sono prese da una straordinaria emozione, colpite dal sentimento di amicizia che provano, dall’affinità con l’altra persona, se ne innamorano e non sanno più vivere senza di lei – per così dire – nemmeno un istante. E queste persone che passano la loro vita gli uni accanto agli altri non saprebbero nemmeno dirti cosa s’aspettano l’uno dall’altro.
Non è possibile pensare che si tratti solo delle gioie dell’amore: non possiamo immaginare che l’attrazione sessuale sia la sola ragione della loro felicità e la sola forza che li spinge a vivere fianco a fianco. C’è qualcos’altro: evidentemente la loro anima cerca nell’altro qualcosa che non sa esprimere, ma che intuisce con immediatezza.
Se, mentre sono insieme, Efesto si presentasse davanti a loro con i suoi strumenti di lavoro e chiedesse: “Che cosa volete l’uno dall’altro?”, e se, vedendoli in imbarazzo, domandasse ancora: “Il vostro desiderio non è forse di essere una sola persona, tanto quanto è possibile, in modo da non essere costretti a separarvi né di giorno né di notte? Se questo è il vostro desiderio, io posso ben unirvi e fondervi in un solo essere, in modo che da due non siate che uno solo e viviate entrambi come una persona sola. Anche dopo la vostra morte, laggiù nell’Ade, voi non sarete più due, ma uno, e la morte sarà comune. Ecco: è questo che desiderate? è questo che può rendervi felici?” A queste parole nessuno di loro – noi lo sappiamo – dirà di no e nessuno mostrerà di volere qualcos’altro.
Ciascuno pensa semplicemente che il dio ha espresso ciò che da lungo tempo senza dubbio desiderava: riunirsi e fondersi con l’altra anima. Non più due, ma un’anima sola.
Dal Fedro di Platone

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

LA DIFFERENZA TRA “TI AMO” E “TI VOGLIO BENE”

Condividi

“Ti amo” – disse il piccolo principe.
“Anch’io ti voglio bene” – rispose la rosa.
“Ma non è la stessa cosa” – rispose lui.
“Voler bene significa prendere possesso di qualcosa, di qualcuno; cercare negli altri cio’ che riempie le aspettative personali di affetto e di compagnia.

Voler bene significa rendere nostro ciò che non ci appartiene; desiderare qualcosa per completarsi perché sentiamo che ci manca qualcosa e se non siamo ricambiati soffriamo.

Amare significa desiderare il meglio dell’altro. Permettere all’altro di essere felice, anche quando il suo cammino è diverso dal nostro.
È un sentimento disinteressato che nasce dalla volontà di donarsi… di offrirsi completamente dal profondo del cuore.
Per questo l’ amore non sarà mai fonte di sofferenza.

Amare è attribuire un posto nel nostro cuore affinché ci resti in qualità di partner, padre, madre, fratello, figlio, amico e sapere che anche nel cuore dell’altro c’è posto per noi.
Dare amore non esaurisce la quantità, anzi l’aumenta e per ricambiare tutto questo amore bisogna aprirsi e lasciarsi amare”.

“Adesso ho capito” – rispose la rosa dopo una lunga pausa.
“Il meglio è viverlo” – le consigliò il piccolo principe.

(libero riadattamento di un passaggio del libro “Il piccolo principe” tratto dal web)

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

IL FENOMENO DELLA “STORICIZZAZIONE” IN AMORE

Condividi

Il processo di storicizzazione in amore è quella tappa del processo d’innamoramento in cui ci si racconta reciprocamente tutta la propria vita per fare in modo che l’altro possa conoscerlo e capire come lui ha vissuto il mondo. In questo modo gli innamorati arrivano ad ad amare non solo la persona come è oggi, ma come era da bambina, da adolescente, nella gioia e nel dolore. Ciascuno racconta anche i suoi amori che perdono importanza ai suoi occhi ed egli può comunicarli all’amato senza fomentare la sua gelosia.

Il processo di storicizzazione è soggettivo e non oggettivo per cui può trarre in inganno l’altro componente della coppia. Soggettività che è inconsapevole perche le relazioni sono sempre viste atraverso la propria lente interiore sia che si tratta di relazioni passate, che presenti, che future.

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

LE RELAZIONI “LABENTIA SIGNA”

Condividi

‘…I poeti latini

avevano una splendida espressione

per indicar le stelle che cadono in estate:

Labentia Signa

cioè segni scivolanti

 

Tale mi sembra il tempo

in cui ci siam baciati

scia luminosa

passata troppo in fretta

 

L’astrofisica insegna tuttavia

che quel teatro

caro ai bambini ed agli innamorati

non è caduta e non è scivolamento

ma solamente morte…”

(Michele Mari)

I poeti latini usavano una splendida affermazione per definire le stelle cadenti: LABENTIA SIGNA, vale a dire segni scivolanti.
Talune relazioni e le modalità con cui vengono vissute sono LABENTIA SIGNA, segni scivolanti che seppur molto intensi, scivolano via. Amori e/o relazioni che brillano come stelle ma che si spengono come le stelle cadenti nella loro discesa, ma lasciano il ricordo di come hanno brillato. Spesso sono relazioni estive come le stelle cadenti che si verificano sopratutto d’estate.

Anche le relazioni LABENTIA SIGNA sono necesarie affinche nascono, successivamente, Stelle fisse vale a dire relazioni che durano nel tempo.

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

UNA DIVERSA LETTURA DELLA STORIA DI NARCISO

Condividi

L’Alchimista conosceva la leggenda di Narciso, un bel giovane che tutti i giorni andava a contemplare la propria bellezza in un lago. Era talmente affascinato da se stesso che un giorno scivolò e morì annegato. Nel punto in cui cadde nacque un fiore, che fu chiamato narciso.
Ma non era così che Oscar Wilde concludeva la storia.
Egli narrava invece che, quando Narciso morì, accorsero le Oreadi – ninfe del bosco – e videro il lago trasformato da una pozza di acqua dolce in una brocca di lacrime salate.
“Perché piangi?” domandarono le Oreadi.
“Piango per Narciso” disse il lago.
“Non ci stupisce che tu pianga per Narciso,” soggiunsero. “Infatti, mentre noi tutte lo abbiamo sempre rincorso per il bosco, tu eri l’unico ad avere la possibilità di contemplare da vicino la sua bellezza. ”
“Ma Narciso era bello?” domandò il lago.
“Chi altri meglio di te potrebbe saperlo?” risposero, sorprese, le Oreadi. “In fin dei conti, era sulle tue sponde che Narciso si sporgeva tutti i giorni.”
Il lago rimase per un po’ in silenzio. Infine disse: “Io piango per Narciso, ma non mi ero mai accorto che fosse bello. Piango per Narciso perché, tutte le volte che lui si sdraiava sulle mie sponde, io potevo vedere riflessa nel fondo dei suoi occhi la mia bellezza.”
“Che bella storia,” disse l’Alchimista.

da L’Alchimista di Paulo Coelho

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

L’AMORE STORGICO

Condividi

Storgé è una parola greca che indica l’affetto naturale fra parenti intimi e specialmente fra i genitori e i loro figli o quello che fratelli e sorelle hanno gli uni per gli altri.
Esso, comunque, dev’esser guidato dai princìpi di equità,altrimenti può indurre chi ha un ruolo principale nella famiglia di mostrare favoritismo verso qualche membro della stessa.
Estendendo il concetto di storge alla coppia, per amore storgico s’intende quel tipo di amore che nasce come affetto tra due persone, senza componente passionale, ed alla fine ci si mette insieme. Nell’amore storgico non ci si guarda negli occhi, non si ci dice “ti amo” , l’intimità sessuale è assente o è di routine. L’aspetto positivo è che c’è una forte condivisione della coppia come famiglia, con diversi obietti, spazi e tempi condivisi. Il rischio è che quelle compenti dell’amore che mancano in quello storgico, vengano ricercate, da almeno uno dei componenti, al di fuori della coppia stessa.

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

L’ANDAMENTO DELLA PASSIONE NELLE RELAZIONI

Condividi

La passione segue un percorso tipico tipico nelle relazioni.

Ad un esplosione e rapido sviluppo all’inizio della relazione, segue un andamento decrescente che rende il partner meno interessante dell’inizio. Quando si è instaurata l’abitudine-assuefazione, anche dosi crescenti dell’altro in termini di tempi e spazi non permettono di vivere la passione con la stessa intensità iniziale. Unica eccezione è se dovesse accadere di perdere il partner. In quest’ultimo caso, al pari della rinuncia ad una sostanza stupefacente, si vive una sindrome d’astinenza (depressione, agitazione, stanchezza, rabbia) che porta a desiderare il partner perduto, non più come ricerca di un piacere, ma come evitamento di un dolore.
Se si recupera il partner cessa lo stato di dolore e segue un periodo di passione-piacere ma diverso in termini di intensità e contenuto rispetto al periodo di passione iniziale.

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

LA LEGGENDA DELL’AMORE ETERNO

Condividi

Narra la leggenda che, un giorno, il figlio di un coraggioso guerriero si innamorò di una giovane bellissima donna. I due decisero di sposarsi, dopo aver ottenuto il permesso da parte dei genitori.

Si amavano davvero tanto e, allo stesso tempo conoscevano le insidie della convivenza. Decisero allora di rivolgersi allo stregone della tribù, per chiedere un incantesimo che rendesse eterni il loro amore e la loro complicità.
Lo stregone disse al guerriero:

“Vai sulle Montagne del Nord, sali più in alto che puoi e quando sei in cima cerca il falco più forte e coraggioso di tutti. Devi catturarlo e portarlo qui vivo.”

Quindi si rivolse alla fanciulla e disse:
“Vai sulle Montagne del Sud, cerca l’aquila più grande di quella catena montuosa, quella che vola più in alto e che ha lo sguardo più profondo. Catturala e portala qui viva.”

Dopo diversi giorni a camminare sulle montagne, il guerriero e la ragazza riuscirono a raggiungere i loro obiettivi e tornarono soddisfatti dallo stregone, accompagnati dai due splendidi uccelli.

“Cosa dovremmo fare adesso con loro?”
Chiesero.

“Questi uccelli sono belli e forti, giusto?”
Disse lo stregone.

I due giovani annuirono, spiegando di avere trovato i migliori, per quanto fosse stato difficile catturarli.

“Li avete visti volare più in alto di tutti, molto rapidamente?”
Chiese nuovamente lo stregone.

“Più di qualunque altro”
Risposero i due.

“Molto bene. Adesso legateli insieme, l’uno con l’altro, per le gambe.”

I due giovani seguirono le istruzioni e poi provarono a far volare gli uccelli. Questo non era più possibile, essendo legati l’uno all’altro. Uno faceva da ostacolo all’altro. L’unica cosa che riusciva bene era inciampare uno sull’altro e farsi del male mentre rotolavano a terra.

“Vedete cosa succede a questi uccelli? Se sono legati l’uno con l’altro non sono in grado di volare.Questo è l’incantesimo che vi do affinché il vostro amore sia eterno: che il vostro legame non sia vincolante per nessuno, ma che a dominare siano sempre e solo la forza e l’incoraggiamento all’altro affinché cresca e migliori come persona.”
Disse lo stregone.

“Possa il vostro amore non creare dipendenze, ma manifestare unione e solidarietà l’uno con l’altro. Rispettatevi come persone e lasciate l’altro libero di imparare a volare con voi nell’immensità del cielo. Se farete questo, il vostro amore sarà eterno, perché non sarà frenato da alcuna limitazione, ma rappresenterà sempre per entrambi uno stimolo a crescere.
Tutto ciò che limita l’anima, prima o poi muore, perché la legge suprema della natura è che ogni individuo cresca ed evolva come persona. Un amore che stronca l’anima ed opprime l’individuo è destinato a morire. L’unico amore che non muore mai, quello che vince anche la morte è la sacra alleanza di due anime che si aiutano a vicenda ad evolvere, che si rispettano reciprocamente e che, pur essendo lasciati liberi, si sostengono a vicenda.
Chi vuole che il proprio amore sia eterno, non soffochi la libertà dell’amato. Volate in alto insieme, ma volteggiando nel cielo anche da soli, senza zavorre né paura.
Solo in questo modo l’amore sarà eterno, perché rappresenterà non solo cibo e gioia per il corpo, ma anche forza e nutrimento per lo spirito.”

DAL WEB

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private in studio, telefoniche o via Skype

tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it

QUAL’E’ LA “LETTERA” DELLA VOSTRA RELAZIONE ?

Condividi

Lo studioso Gugliemo Gulotta, nel libro “Commedie e drammi nel matrimonio” edito da Feltrinelli, propone una classificazione del matrimonio, o delle relazioni in generale, siglando con le lettere dell’alfabeto A, H, O, S, V, X, Y, I

  • La relazione “A” è quella che inizia con una certa distanza tra i partner (ad esempio una relazione d’interesse) ma pian piano si sono avvicinati grazie ad un vincolo comune (il trattino della A) come un figlio o un progetto o interesse forte in comune.
  • Nella relazione “H” la situazione iniziale è come quella della relazione A ma nonostante il subentrare di un tratto in comune, la distanza tra loro permane.
  • La relazione “O” caratterizza una relazione dove i partner si rincorrono senza mai incontrarsi, girando a vuoto.
    Nella relazione “S” i partner cercano di adattarsi l’un l’altro ma non riescono ad avere una situazione migliori di quella di partenza.
  • La relazione “V” caratterizza una relazione che parte con una fusione iniziale ma poi aumenta la distanza.
  • Nella relazione “Y” la situazione è la stessa della relazione “V” ma la fusione iniziale dura di più.
  • Nella relazione “X” il primo periodo corrisponde a quello del matrimonio “A”, ma dopo un periodo di riunione i partner si allontanano di nuovo.
  • Nella relazione “I” si procede bene dall’inizio alla fine.

Provate ad individuare qual’è la lettera della vostra relazione e discutetene col partner.

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

Studio in Milano, Roma, Napoli e Vietri sul Mare (Sa)

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email:cavalierer@iltuopsicologo.it